FANDOM


Morte tra i delfini

Morte tra i delfini è il secondo episodio della dodicesima stagione.

Trama

In una vasca di delfini, viene trovato il cadavere di una giovane donna di nome Monica, che conosceva molto bene quell’ambiente, in quanto lavorava lì come guardia notturna. Sul luogo del delitto vanno Lorenzo Fabbri e Giandomenico Morini. In base all’autopsia, alla ragazza è stato rotto il naso e dopo una colluttazione, si presume che si sia avvicinata alla vasca dei delfini, dove si sarebbe lasciata morire. È stata trovata l’impronta di un uomo, che non convince il commissario. Viene interrogato un collega di Monica, l’ultimo ad averla vista viva, il quale aveva notato che a causa di problemi personali, la donna era molto triste. Un altro collega di Monica, è dispiaciuto per non essere stato in grado di aiutarla quando avrebbe potuto. Vengono controllate tutte le registrazioni dei luoghi del parco in cui è avvenuto l’omicidio. Il titolare del parco si lamenta dei piccoli furti che sono avvenuti all’interno di esso. Lorenzo viene a scoprire che il direttore era molto legato alla vittima. Sembra che l’assassino conosca molto bene il parco. Viene ricontattato Alfredo, l’addestratore del parco.Lorenzo Fabbri e Giandomenico Morini scoprono che un altro custode del parco vive al suo interno dopo essere cacciato di casa dalla sua fidanzata ed è uno dei principali sospettati. Il commissario viene informato in tempo anche del fatto che la donna, prima di essere stata uccisa, abbia avuto un violento rapporto sessuale. Viene confrontato il DNA del custode del parco con lo sperma ritrovato sulle lenzuola della vittima, che però non coincide. I due poliziotti riescono a ritrovare il medaglione scomparso che portava la vittima, rubatole da un pappagallo. Purtroppo sul medaglione sono presenti soltanto le impronte digitali della vittima, ma Fabbri ha un altro indizio. All’interno del medaglione, infatti, sono scritte le vere generalità della vittima, che ha un cognome diverso, entrata dunque a lavorare sotto falsa identità. Viene interrogato un falsario, un certo Durante, accusato di aver falsificato i documenti. Il falsario ha una certa reticenza, ma poi inizia a parlare, dicendo di conoscere la ragazza e di aver voluto prima i soldi e poi una prestazione sessuale, dopo averla ricattata. Il ragazzo ammette però che durante il rapporto, c’era qualcuno che li stava spiando. Offrendo un identikit dell’uomo, che ha una forte somiglianza con il capo della sicurezza del parco, Fabbri ha un’idea geniale. Con l’aiuto del falsario, contatta telefonicamente il capo della sicurezza, che caduto nel tranello, subisce un finto ricatto ed accetta di pagare centomila euro pur di non far parlare il falsario. Fabbri va al parco per arrestarlo, ma l’uomo prima lo minaccia con la pistola, e poi riesce a fuggire con Rex alle calcagna. In soccorso di Rex arriva il commissario Fabbri, nonostante sia ammanettato. L’uomo viene arrestato da Morini con l’aiuto di Rex, e confessa di aver ucciso Monica per gelosia, in quanto i due si frequentavano da un mese, e per lui, vederla con un altro uomo è stato un colpo cosi forte da indurlo a compiere l’omicidio.

Share

Data Tipo Percentuale Telespettatori
17 marzo 2009 prima TV 17,75% 4.773.000

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale